Categorie
Nutrizione e Integrazione

Pancia gonfia? Ecco i 6 cibi + 1 che ti aiutano ad avere un ventre piatto

A chi non è capitato di sentire quel fastidioso gonfiore addominale che rende la pancia tesa e gonfia?

Una sensazione opprimente che ci fa sentire a disagio e può essere conseguente a pasti irregolari, abbuffate o consumo di junk food, ma talvolta pare immotivata e indipendente dai pasti.

La nostra pancia “ci parla” e spesso ciò è sintomo di un intestino irritato e una flora batterica alterata conseguenti a diete sbilanciate ma anche causati da tensioni e stress.

Ormai è risaputo, il nostro intestino è il nostro secondo cervello.

Tutti gli studi scientifici hanno attribuito finalmente un ruolo importantissimi al nostro intestino, è infatti l’organo più delicato di tutto il nostro corpo.

Quando hai la pancia gonfia, non è solo un effetto estetico, il nostro microbiota (tutti i nostri batteri all’interno dell’intestino) ci sta parlando e ci sta dicendo che qualcosa non va.

Come è possibile che nel 2020 ci siano ancora queste problematiche con tutta la scienza che abbiamo?

Prova a riflettere, ti sei mai trovato (o trovata visto che le donne hanno un micorbiota più delicato), in queste situazioni:

  • Ti svegli con il mal di testa… dopo una serata un po’ alticcia.
  • La tua pancia sembra un pallone… dopo una bella pizza e qualche dolce.
  • Hai difficoltà ad andare in bagno… ti sei mangiata yogurt greco e latticini.
  • Senti forte fitte alla parte bassa dello stomaco… hai mangiato legumi o soia il pasto precedente.
  • Senti dei crampi strani… quella carbonara ti ha fatto però impazzire.

Come vedi, in questo caso, prendersi un medicinale non è la strategia migliore.

Perché? Perché il tuo intestino, e sopratutto la tua flora intestinale, è molto infastidita e irritata, ha bisogno di rigenerarsi.

L’alimentazione, però, rimane la prima alleata e scopriamo insieme sei alimenti possono darti un aiutino in più contro il gonfiore.


Aloe, il vero toccasana

Il problema principale della pancia gonfia è l’intestino irritato.

Dopo anni di continuo bombardamento alla nostra flora batterica, il nostro caro intestino si è sicuramente irritato. È necessario “pulirlo”.

La bevanda in eccellenza migliore per avere un intestino pulito è sicuramente l’aloe, bevanda millenaria utilizzata già dagli Aztechi per le sue capacità lenitive.

Proprio per questo la pianta di aloe “perfetta” arriva dal Messico.

L’aloe deve essere coltivata in un terreno ricco di minerali per poter sviluppare i fitonutrienti essenziali per le sue capacità incredibili.

L’aloe edibile deve essere costoso, all’interno di una confezione scura, tenuto in frigo e soprattutto deve essere puro.

Puro perché non deve contenere aloina, una sostanza che se non estratta dall’aloe può provocare seri danni al nostro organismo.

È proprio per questo che la comunità europea sta proprio vagliando di eliminare l’aloe, soprattutto quello non puro come descritto sopra.

Non ci credi? Cerca “Europe Aloe Ban” e troverai tantissimi articoli a riguardo, te ne inserisco proprio uno qui sotto

https://www.lexology.com/library/detail.aspx?g=9c2bcd92-2567-4078-bb96-d4b1067d10f8

Attenzione quindi a comprare aloe, chi ti consiglia deve sapere che non contiene questa sostanza.

Ad esempio, i 24Warriors usano proprio una marca specifica che è pura e senza aloina.

Un bicchiere di aloe al giorno, alla mattina, è il vero toccasana per il tuo organismo e il tuo intestino.


1. Bevande vegetali

Le bevande vegetali senza zuccheri a base di mandorla o riso sono un’alternativa al latte vaccino che, assieme ai suoi derivati, tende invece a creare gonfiore per il contenuto di lattosio che il nostro organismo spesso fatica a digerire.

Ovvio che sono delle alternative e quindi non dobbiamo abusarne, anche in questo caso la prima regola è guardare l’etichetta, se trovi come primo ingrediente lo “zucchero”, lascia stare.

Comunque, meglio sempre l’acqua.

2. Finocchio

Il finocchio è un ortaggio dalle conosciute proprietà digestive e diuretiche.

Sia la polpa sia i suoi semi da utilizzare in decotti o infusi aiutano a liberarsi da meteorismo e aerofagia e dare sollievo in caso di spasmi intestinali.

3. Centrifughe o estratti di verdura e frutta

Con le centrifughe o gli estratti di verdura e frutta freschi di stagione potrai fare ricarica di micronutrienti fondamentali senza il caratteristico gonfiore che la fibra può causare se soffri di colon irritabile.

4. Frutti di bosco

I frutti di bosco, oltre a essere ricchi di antiossidanti con effetti detox, favoriscono anche le funzioni intestinali agendo come prebiotici per la microflora batterica. 

More e mirtilli sono decisamente i più consigliati.

5. Menta

La menta è una delle erbe aromatiche con proprietà digestive e anticarminative, ovvero diminuisce la fermentazione dei cibi. Puoi utilizzarla in infusi oppure aggiungerla fresca a pesti o salse vegetali o in macedonie di frutta.

6. Yogurt magro

Lo yogurt magro bianco è una fonte di fermenti lattici vivi che favoriscono una sana e viva flora intestinale; scegli lo yogurt greco già naturalmente senza lattosio così sarà ancora più leggero.

Ma come sappiamo, moltissime persone non tollerano i latticini e ne tantomeno i derivati.

Se vuoi scegliere una base proteica senza utilizzare latticini, molto meglio evitare qualsiasi tipo di yogurt, soprattutto quello yogurt senza lattosio, senza grassi, senza… alla fine, che prodotto stai mangiando se viene tolto tutto?

Cambia prodotto, molto meglio.


Conclusioni

Se vuoi veramente una pancia piatta e dimenticarti del tuo bruciore di stomaco o gonfiore che ti perseguita, è ora di iniziare a capire meglio che cosa ti porta in questo stato.

È arrivato il momento di capire veramente che cosa sta succedendo al tuo corpo. La tua pancia parla prima di tutto e quindi anche il tuo metabolismo.

Hai mai pensato di fare un test sul metabolismo per approfondire questo tema?

Premi qui sotto e in 5 minuti capirai come è il tuo metabolismo e la soluzione dei 24Warriors ideale per te.

Credi di avere il metabolismo bloccato?

Scopri in soli 5 minuti se hai il metabolismo bloccato e quali strategie utilizzare per iniziare a bruciare come una locomotiva.